fbpx

Passeggiata con il cane: perché fa bene anche a noi

Il momento di maggiore intimità con il proprio cane è quello della passeggiata, non importa se ci si trovi in città, nel bosco, in spiaggia o in altri luoghi o se la passeggiata con il cane avvenga con o senza il guinzaglio. Il consiglio di Gruppocvit è quello di raggiungere la massima armonia con l’animale, fino a permettergli di essere libero di passeggiare annusando qua e là alla scoperta dell’istinto naturale. 

Oltre a questo, passeggiare con il cane è un’attività che fa bene anche ai proprietari, che possono rilassarsi ritrovando benessere fisico e mentale.

Il ruolo della passeggiata con il cane

La passeggiata con il cane rappresenta un momento fondamentale anche per gli animali più fortunati, che hanno a disposizione un giardino. Non si tratta solo di fare i bisogni, ma di soddisfare molte altre esigenze del cane, tra cui:

  • conoscenza: ogni giorno tracce e odori sulla strada sono differenti e al cane tutte queste informazioni interessano moltissimo;
  • socializzazione e integrazioni: il cane stesso lascia informazioni su di sé e avvisa gli altri cani della sua presenza sul territorio, ma soprattutto può conoscere e incontrare altri cani e soddisfare le sue esigenze di animale sociale;
  • perlustrazione ed esplorazione: il cane ha bisogno di conoscere il territorio intorno a lui e anche in città è bene non fare sempre lo stesso giro per permettergli di scoprire sempre nuovi odori;
  • ginnastica funzionale: la passeggiata con il cane è utile per le funzioni muscolari, cardio circolatorie e per stimolare intestino e sistema immunitario ed è un toccasana per la sua salute;
  • sviluppo cognitivo: in passeggiata il cane impara a rapportarsi con il mondo;
  • equilibrio psicologico: durante la passeggiata in cane si concentra sugli odori, rafforza la relazione con il proprietario e a nuove esperienze. Per questo più il cane è agitato, maggiore è il bisogno di passeggiare e spesso basta stare fuori più a lungo per curare ansia, irrequietezza e altri piccoli disturbi.

Consigli per passeggiare in città

La passeggiata con il cane cambia a seconda dei momenti della giornata. Quella del mattino a causa dell’ansia del lavoro o delle prime telefonate può diventare un momento di stress, il cane infatti percepirà la mancanza di tempo del padrone. In realtà anche questa passeggiata, seppur breve, va affrontata con la giusta consapevolezza e attenzione nei confronti del cane. 

In città è importante verificare che pettorina e collare non si sleghino e stare lontani da biciclette e podisti, oltre ad avere un comando che blocchi il cane in caso di pericolo.

I vantaggi della passeggiata per il proprietario

Passeggiare con il cane fa bene anche al proprietario, dato che bastano 30 minuti di attività fisica moderata 5 volte alla settimana per tutelare la salute del cuore. Inoltre, una bella passeggiata con il cane in mezzo alla natura libera la mente, combatte lo stress e riduce gli stati d’ansia. Se si è anziani o pensionati l’uscita con il cane facilita la socializzazione con gli altri proprietari di cani e, infine, accudire il cane ogni giorno aumenta l’autostima.

Per questo Gruppocvit consiglia di passeggiare con il proprio amico a quattrozampe più spesso che si può, cercando di non scendere sotto le 5 uscite giornaliere utili ai bisogni fisici e psicologici dell’animale. Sembra difficile? Basta iniziare!