fbpx

La coda del gatto

La coda del gatto è un elemento tutt’altro che accessorio per i nostri amici felini. Oltre a garantire stabilità ed equilibrio nei movimenti ordinari così come nelle acrobazie più complesse, la coda è per i gatti uno strumento molto importante per comunicare con il mondo circostante.

 

La lingua della coda del gatto

 

La postura del corpo, i movimenti delle orecchie e quelli degli occhi sono una parte fondamentale nella comunicazione dei nostri amici a quattro zampe. Possiamo considerare questo insieme di segni come un vero e proprio linguaggio attraverso il quale i gatti si relazionano con l’ambiente in cui si trovano.

Imparare a decifrare questa particolare lingua è certamente una grande opportunità a nostra disposizione per riuscire a instaurare un rapporto comunicativo con il felino di casa. Nella comunicazione corporea del gatto, il movimento e la postura della coda costituisce probabilmente l’indicatore più esplicito delle intenzioni comunicative del gatto.

 

Vediamo nel dettaglio quali sono le posture e movimenti della coda più comuni:

 

 

Coda in verticale. La coda del gatto punta verso l’alto ed è perpendicolare rispetto al corpo. Il gatto è contento e sta di fatto salutando chi ha davanti. Se la coda si muove rimanendo dritta, allora il saluto del gatto è particolarmente festoso. Una coda perlopiù dritta ma che presenta una piccola curvatura all’estremità indica una certa curiosità nel gatto nei confronti di ciò che osserva.

 

 

 

Coda in orizzontale. Solitamente quando la coda del gatto è in posizione orizzontale, in linea con il corpo, compie anche dei piccoli movimenti laterali a destra e sinistra. Questa postura indica un interesse misurato del gatto, ovvero una curiosità che tiene conto tuttavia anche di una buona dose di prudenza.

 

 

 

Coda che si agita. Si tratta di un segnale molto esplicito dello stato di agitazione del gatto. Il felino potrebbe provare paura, oppure potrebbe comunicare in tal modo il suo fastidio verso qualcosa che ha vicino.

 

 

 

 

Coda bassa. Se la coda è in una posizione bassa e magari radente al terreno, il gatto è in uno stato di grande attenzione e concentrazione. Si prepara probabilmente a lanciarsi verso la cattura della sua preda.

 

 

 

 

 

Coda nascosta. La coda nascosta fra le zampe posteriori è un segnale inequivocabile di forte paura. Il gatto avverte una minaccia esterna dalla quale non può fuggire né difendersi.

 

 

 

 

Coda attorno al corpo. Il gatto è rilassato e muove dolcemente la coda, come una piccola sfinge. Il felino è a proprio agio con se stesso e con il mondo circostante.