In estate le temperature elevate possono diventare un serio problema per i gatti;  i nostri amici felini infatti  potrebbero incorrere nel cosiddetto colpo di calore. Vediamo come identificare rapidamente il problema e aiutare il gatto ad affrontare i giorni più caldi.

Cosa è il colpo di calore?

In ambito medico il colpo di calore è chiamato ipertermia da calore e questa condizione si verifica quando la temperatura corporea del gatto sale oltre i 40°C a causa dell’accumulo di calore. Le conseguenze sono molteplici e portano a serie difficoltà respiratorie e altri sintomi nel gatto che accusa il colpo di calore.

Sintomi del colpo di calore nel gatto

Capire che il gatto sta soffrendo il caldo è semplice, a patto di conoscere i sintomi dell’ipertermia o colpo di calore. I veterinari di Gruppocvit consigliano di prestare attenzione a questi segnali:

  • Respiro a bocca aperta
  • aumento della frequenza respiratoria con affanno e respiro corto;
  • condizioni generali di debolezza, irrequietezza e spossatezza fino ad arrivare alla perdita di coscienza;
  • presenza di vomito e sintomi da shock: mucose pallide, aumento della frequenza cardiaca e respiro superficiale;
  • aumento della temperatura corporea oltre i 40°.

Colpo di calore nei gatti: come gestirlo

Se il gatto presenta i sintomi del colpo di calore è importante agire rapidamente in modo che l’animale non rischi la vita. Oltre a contattare il veterinario di fiducia ci sono alcune misure di primo soccorso da effettuare a casa. Vediamo quali.

La prima cosa da fare è mantenere la calma dato che stress e confusione aumentano la temperatura corporea dell’animale: meglio, quindi, evitare panico e frenesia e affrontare con il colpo di calore senza agitare l’animale. Il gatto deve poter trovare riparo in un luogo fresco con a disposizione acqua fredda da bere. Non solo: si può intervenire in maniera proattiva per abbassare la temperatura corporea del gatto, bagnandolo con acqua fresca, anche tamponandolo con una spugna soprattutto se non ha affinità con l’acqua poiché in questo caso si agiterebbe ancora di più.

Tuttavia, se le condizioni del gatto non migliorano i veterinari di Gruppocvit consigliano di contattare il veterinario di fiducia e portare subito l’animale in studio, assicurandosi di raffreddare l’abitacolo dell’auto prima di far entrare il gatto e facendo attenzione che durante il viaggio l’ambiente sia il più fresco possibile per non peggiorare la situazione.

Oggi per evitare il colpo di calore nel gatto, che mette a rischio la sopravvivenza dell’animale, si possono acquistare dei tappetini rinfrescanti che hanno proprio lo scopo di prevenirlo.

In estate, quindi, meglio fare attenzione al gran caldo e aiutare i gatti a superare afa e temperature elevate creando in casa ambienti freschi e lasciando a disposizione dell’animale adeguate quantità di acqua fresca. Se poi avete dubbi sulla gestione del gatto il consiglio è rivolgersi ai veterinari di Gruppocvit che sapranno dare risposta ad ogni dubbio e domanda.